Premio letterario nazionale Melvin Jones - LIONS CLUB 108 TB
18032
page-template-default,page,page-id-18032,bridge-core-2.7.4,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-25.9,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.6.0,vc_responsive
 

Premio letterario nazionale Melvin Jones

Il concorso in breve

Il primo Premio letterario nazionale “Melvin Jones – Talento, ambizione, filantropia per migliorare il mondo” è stato voluto dal Distretto 108 Tb e dal Governatore Gianni Tessari, in collaborazione con l’Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara.

Dell’organizzazione s’è occupato un comitato scientifico composto da Anna Maria Quarzi, Presidente Lions Club Ferrara Diamanti e Presidente ISCO, e Camilla Ghedini, giornalista, consulente della comunicazione istituzionale e autrice di testi su temi sociali.

Nell’autunno 2020 le organizzatrici hanno chiesto alle case editrici di segnalare libri editi negli ultimi 20 anni che rispechiassero il tema del concorso.

Hanno risposto nomi importanti dell’editoria italiana (Garzanti, Einaudi, Laterza, Piemme, ecc.), che hanno proposto oltre venti opere, tutte recenti (dal 2018 al 2021) e di autori di notevole spessore, non solo romanzi, ma anche saggi e libri d’inchiesta.

Tra queste opere, una giuria di preselezione, composta da Camilla Ghedini, Anna Maria Quarzi e Antonio Corraini (Lions Club S. Maria Maddalena), ha scelto i dieci titoli finalisti, che sono stati consegnati ai cinque membri della giuria.

La premiazione si terrà il 19 giugno 2021 a Bologna.

Il comitato organizzatore

Camilla Ghedini
Anna Maria Quarzi
Domande e risposte

Perché un concorso letterario?
Per celebrare il 60° anniversario della scomparsa del nostro fondatore Melvin Jones (1879-1961) con un’iniziativa di respiro nazionale, capace di trasmettere i suoi (e nostri) valori anche a chi ancora non li conosce attraverso quello che è tuttora il più efficace e strumento di comunicazione: il libro.

Perché rivolto direttamente alle case editrici?
Perché, come tante istituzioni cultutrali, sono state duramente colpite dalla pandemia, e volevamo che il concorso fosse per loro un’occasione di rilanciare opere interessanti e significative, recenti e non, presenti nel loro catalogo.

Perché un concorso per opere già edite?
Perché volevamo che i libri segnalati non fossero “scritti apposta” per noi, ma che contenessero già i temi e i valori che da sempre ci caratterizzano: per dimostrare quanto questi siano attuali e universali.

Perché una giuria composta non solo da scrittori?
Per sottolineare la capacità dei libri di parlare in modo diverso a persone diverse e di abbracciare tutte le arti e le discipline.

Approfondisci

Conferenza stampa del 9 aprile 2021

La giuria
Vito Contento
Vito Contento-giuria

Critico
Docente di sceneggiatura
Scrittore

Alessio Di Clemente
Giuria Premio MJ Di Clemente

Attore

Carmen Di Marzo
Carmen Di Marzo

Attrice

Aldo Tomasi
Giuria Premio MJ Tomasi2

Docente Universitario
Rappresentante Lions

Simona Vinci
Simona Vinci-giuria

Scrittrice

I libri finalisti
AA. VV., Dillo a curvy pride, cur. Antonella Simona d’Aulerio, Giraldi Editore 2020
Valerio Castronovo, Chi vince e chi perde, Laterza 2020
Laura Colosso, Ma la sabbia non ritorna, SEM 2021
Mattia Ferrari, Pescatori di uomini, Garzanti 2020
Pietro Del Soldà, Non solo cose d’amore, Marsilio 2018
Federica Gasbarro, Diario di una striker, Piemme 2020
Cristiano Gori, Combattere la povertà, Laterza 2020
Diego Marani, La città celeste, La nave di Teseo 2021
Melania Mazzucco, L’architettrice, Einaudi 2019
Antonio Polito, Le regole del Cammino, Marsilio 2020